Navigazione veloce

CITY CAMP: UN’ESPERIENZA INDIMENTICABILE!

city

Ho partecipato al City Camp 2015 presso la scuola secondaria di Pralboino ed è stata un’esperienza fantastica, che vorrei tanto rifare anche l’anno prossimo.

Le giornate trascorrevano in compagnia dei cinque fantastici tutor: Hannah, Sophie, Paul, Anna e Savanna, che erano di nazionalità diverse, c’era chi veniva dall’America, chi dall’Irlanda e chi dalla Gran Bretagna; ogni tutor si occupava di una classe di dieci/quindici bambini.

Il camp iniziava alle nove, quando i tutor ci dicevano di metterci in cerchio e si cantava, si facevano dei giochi o scioglilingua in inglese, poi tutti, divisi per età, andavano nella rispettiva classe con il tutor. In classe si svolgevano delle attività sempre in lingua inglese diverse in base al giorno. A metà mattinata c’era un Break Time, poi si ritornava nelle classi. Il Lunch Time durava un ‘ora e mezza, prima di rientrare nelle proprie classi; si faceva mezz’ora di giochi per migliorare la pronuncia e, a seguire, dopo un’ora di lezione, un altro Break, dopo il quale iniziavano i giochi, che a volte erano con l’acqua.

L’ultimo giorno è stato organizzato uno spettacolo in lingua inglese che, a mio parere, è stato bellissimo; il tema era ispirato a quello di un libro ed io col mio gruppo abbiamo fatto uno spettacolo sui maghi e sulle streghe.

Alla fine del City Camp è stato consegnato il libro con il diploma, la foto della classe, la foto del Camp e anche una calamita.

Secondo me, il City Camp è un’esperienza da fare perché aiuta molto con la pronuncia inglese e anche con l’inglese inteso come materia, poi ci sono dei Tutor davvero simpaticissimi e bravissimi.. è un modo per imparare l’inglese divertendosi.

Giulia Dester 3A

Scuola Secondaria di Pralboino

Non è possibile inserire commenti.